Filtro a cartuccia per piscina: come funziona e come gestirlo!

filtro a cartuccia per piscina

Tutti i segreti, i pro e i contro, del filtro a cartuccia per piscina.

Chi ha una piscina e chi ci segue lo sa bene: per tenerla bella, funzionale e sempre pronta all’uso, occorre tenere sotto controllo la sua circolazione, la sua filtrazione e disinfezione. Basta che anche solo uno di questi fattori inizi a scricchiolare, per mandare in fumo tutti gli sforzi di gestione della vostra piscina. In questo post ci concentreremo in particolar modo sui sistemi di filtrazione, svelandovi segreti e caratteristiche del filtro a cartuccia per piscina.

filtro a cartuccia per piscina

Quanti tipi di filtro per piscina esistono?

I più comuni in commercio sono senza ombra di dubbio il filtro a cartuccia e quello a sabbia. “Cosa cambia? Che differenze ci sono? Quale devo scegliere per la mia piscina?” sono le comande che sorgono più spontanee e quindi proviamo a trovare le giuste risposte.

Meno noti e frequenti, ma è bene ricordarli. Parliamo dei filtri a Diatomee. La Diatomite è una roccia molto porosa che proviene dalla fossilizzazione di scheletri silicei delle alghe unicellulari chiamate appunto Diatomee. La sua frantumazione e calcificazione la rende una polvere bianca impalpabile chiamata farina fossile. 

filtro a cartuccia per piscina

Filtro a diatomee

filtro a cartuccia per piscina

Filtro a sabbia

Tutto quello che c’è da sapere sul filtro a cartuccia…

filtro a cartuccia per piscinaIl filtro a cartuccia è composto da una cartuccia cilindrica che riesce a garantire una filtrazione elevata e accurata e quindi anche un elevato grado di pulizia dell’acqua. La velocità di filtrazione di solito non è molto elevata, ma è proprio questo che permette una buona efficienza e che permette di catturare anche le particelle più piccole. Questo fattore rende i filtri a cartuccia, più indicati per le piscine di piccole dimensioni, tra piscine fuori terra e da giardino. Detto ciò, pulire il filtro a cartuccia per piscina non è materia “complicata” come può essere quella per il filtro a sabbia con i suoi controlavaggi. Vi basterà togliere la cartuccia cilindrica e lavarla sotto l’acqua, magari aiutandovi con dei prodotti pulenti. Ricordate, però, che una cartuccia va cambiata e sostituita regolarmente.

Un consiglio: non usate prodotti chimici come i flocculanti, nei filtri a cartuccia. Rischierete di bloccarli e intasarli, rovinandoli definitivamente.

filtro a cartuccia per piscina

SE HAI LETTO QUESTO, PUOI LEGGERE ANCHE…

Potrebbero interessarti anche...

6 risposte

  1. monica ha detto:

    Le piscine fuori terra necessitano di manutenzione quasi al pari di quelle interrate forse. Ho letto sul sito di piscine Solaris che utilizzano filtri a sabbia sulle piscine fuori terra. Il tipo di filtro determina la qualità di una piscina fuori terra, oppure ci sono altre caratteristiche che devo prendere in considerazione?

    • David ha detto:

      Ciao Monica! Ti confermo che le piscine fuori terra necessitano di manutenzione quasi al pari di quelle interrate, con controlli e olio di gomito per mantenerle pulite e in ottimo stato. La questione del filtraggio varia a seconda delle dimensioni delle piscine, ci sono vari modelli con volumi differenti. Per i volumi piccoli ( sotto i 3cmb (Metricubi)) il filtro a cartuccia può lavorare senza problemi alla pari della sabbia a patto di pulire o sostituire i filtri regolarmente. Il filtro non è ciò che garantisce l’acqua pulita, ma fa parte di un sistema più complesso composto da: chimica, raccolta e filtraggio. Più che avere un filtro efficace è più importante avere i livelli di cloro e pH corretti in piscina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code